Matrimonio

Indicazioni utili sui documenti da presentare per il matrimonio: pubblicazioni, matrimonio civile, matrimonio religioso.

Se avete intenzione di sposarvi, la prima cosa che dovete fare è quella di recarvi all'Ufficio Stato Civile dove potrete concordare un appuntamento per firmare la richiesta di pubblicazioni e richiedere tutte le informazioni sia per il matrimonio civile che quello concordatario (religioso), valido agli effetti civili, tra le quali la scelta del regime patrimoniale (comunione o separazione dei beni).

Di norma il matrimonio viene celebrato nel Comune di residenza di almeno uno degli sposi. E' però possibile sposarsi in un altro Comune: per il matrimonio civile , presentando la delega rilasciata dall'Ufficio di Stato Civile del Comune dove si è provveduto alle pubblicazioni, mentre per il matrimonio concordatario (religioso) la delega va richiesta al Parroco delle Chiesa che ha rilasciato la richiesta di pubblicazione per l'Ufficio di Stato Civile. Gli atti dei matrimoni avvenuti nel Comune vengono anche trasmessi ai comuni di residenza degli sposi non residenti.

 

LE PUBBLICAZIONI DI MATRIMONIO

Col termine "pubblicazione di matrimonio" si intende il procedimento con il quale l'Ufficiale dello Stato Civile accerta l'insussistenza di impedimenti alla celebrazione del matrimonio, sia Civile che Concordatario (Religioso), " pubblicizzando" l'intenzione degli sposi con la pubblicazione nell'Albo Pretorio online presente in questo sito.

Per il Matrimonio Civile la pubblicazione deve essere richiesta all'Ufficio di Stato Civile del Comune dove ha la residenza uno dei futuri sposi, anche nel caso di matrimonio religioso, ed è fatto nei comuni di residenza degli sposi.

Per il Matrimonio Concordatario (Religioso), valido agli effetti civili, gli sposi devono produrre all'Ufficio di Stato Civile la richiesta di pubblicazioni del Parroco della Chiesa di residenza di uno degli sposi. La pubblicazione deve essere effettuata da entrambi gli sposi presentandosi personalmente, muniti di valido documento d'identità.

La richiesta di pubblicazione è resa dagli sposi senza la presenza di testimoni. L'atto di pubblicazione è soggetto all'imposta di bollo Euro 16,00. Se uno degli sposi è residente altrove, è necessario procedere alla richiesta di pubblicazione ad altro Comune, per cui, è necessario produrre due marche da bollo.

 

Il cittadino straniero che intende sposarsi in un comune italiano deve presentare:

  •  il nulla osta rilasciato dal Consolato del suo Paese in Italia, tradotto e legalizzato per poter richiedere le Pubblicazioni
  • il passaporto in corso di validità
  • documento attestante la regolarità del soggiorno

 

MATRIMONIO CIVILE

La data del matrimonio dovrà essere concordata con il Sindaco. Per la cerimonia il Comune mette a disposizione gratuitamente la Sala Giunta. E' possibile prenotare una sala comunale alle tariffe stabilite con delibera di Giunta Comunale.

Per le celebrazioni dei matrimoni civili fuori l'orario di servizio dell'Ufficio di Stato Civile sono state stabilite con delibera di Giunta Comunale.

Nel caso in cui non si abbia la residenza nel Comune, all'appuntamento fissato con l'Ufficiale di Stato Civile, si verrà muniti di Carta d'identità e codice fiscale.

 

MATRIMONIO CONCORDATARIO (RELIGIOSO)

Gli sposi devono comunicare al Parroco celebrante il regime patrimoniale che intendono scegliere. Il Parroco provvederà a far pervenire all'Ufficio di Stato Civile la richiesta di trascrizione agli effetti civili dell'atto di Matrimonio. L'Ufficiale dello Stato Civile provvederà a trasmettere l'atto di matrimonio trascritto all'eventuale comune di residenza degli sposi non residenti.

Per tariffe vedi la pagina del sito "Celebrazione Matrimoni/Unioni Civili".