Le leggi

Legislazione italiana ed europea di base sulle pari opportunità in ordine cronologico

Data di pubblicazione:
12 Agosto 2019

COSTITUZIONE

- Articolo 3. Principio di uguaglianza.

- Articolo 29. Riconoscimento dei diritti della famiglia.

- Articolo 31. Agevolazione della formazione della famiglia.

- Articolo 37. Diritti della donna lavoratrice.

- Articolo 51. Accesso agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizioni di eguaglianza.

- Articolo 117. Potestà legislativa esercitata da Stato e Regioni – rimozione degli ostacoli che impediscono la piena parità degli uomini e delle donne nella vita sociale, culturale ed economica e promozione della parità dei Accesso tra donne e uomini alle cariche elettive.

 

1950

- Legge 26/8/1950 n. 860. Tutela fisica ed economica delle lavoratrici madri. G.U. 3/11/1950 n. 253.

 

1963

- Legge 9/1/1963 n. 7. Divieto di licenziamento delle lavoratrici per causa di matrimonio e modifiche alla legge 26/8/1950, n. 860: “Tutela fisica ed economica

delle lavoratrici madri”. G.U. 30/1/1963 n. 27.

- Legge 9/2/1963 n. 66. Ammissione della donna ai pubblici uffici ed alle professioni. G.U. 19/2/1963 N. 48.

 

1971

- Legge 6/12/1971 n. 1044. Piano quinquennale per l’Istituzione di asili-nido comunali con il concorso dello Stato. G.U. 18/1/1971 n. 316.

- Legge 30/12/1971 n. 1204. “Tutela delle lavoratrici madri”. G.U. 18/1/1971 n. 14.

 

1975

- Legge 19/5/1975 n. 151. Riforma del diritto di famiglio. G.U. 23/5/1975 n. 135.

 

1976

- D.P.R. 1026/76 attuativo della Legge 1204/71 sulla tutela delle lavoratrici madri.

 

1977

- Legge 29/11/1977, n. 891. Norme per il rifinanziamento del piano degli asili nido e modifica della legge istitutiva 6/12/1971, n. 1044. G.U. 12/12/1977 N. 337.

- Legge 9/12/1977, n. 903. Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro.

 

1987

- Legge 29/12/1987 n. 546. Indennità di maternità per le lavoratrici autonome. G.U. 29/10/1987, n. 546.

 

1989

- Legge 27/1/1989 n. 25. Norme sui limiti di età per la partecipazione ai pubblici concorsi. G.U. 31/1/1989 n. 25.

- Legge 17/3/1989 n. Norme regolamentari sulla disciplina del rapporto di lavoro a tempo parziale.

- Legge 30/3/1989 n. 127. Costituzione di rapporti di lavoro a tempo determinato nel pubblico impiego.

 

1990

- Legge 11/12/1990 n. 379. Indennità di maternità per le libere professioniste. G.U. 17/12/1990 n. 293.

- Legge 22/6/1990 n. 164. Istituzione della Commissione Nazionale per la parità e le pari opportunità tra uomo e donna presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.  G.U. 27/6/1990 n. 148.

 

1991

- Legge 10/4/1991 n .125. Azioni positive per la realizzazione della parità uomo donna nel lavoro.

- Decreto legge 29/3/1991 n. 103 (convertito in legge 166/91). Disposizioni urgenti in materia previdenziale. G.U. 2/4/1991 n. 77.

 

1992

- Legge 5/2/1992 n. 91. Nuove norme sulla cittadinanza. G.U. 15/2/1992 n. 38.

- Legge 5/2/1992 n. 104. Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate. G.U. 17/2/1992 n. 39.

- Legge 25/2/1992 n. 215. Azioni positive per l’imprenditoria femminile. G.U. 7/3/1992 n. 56.

 

1993

- Decreto legislativo 3/2/1993 n 29. Razionalizzazione dell’organizzazione delle amministrazioni pubbliche e revisione della disciplina in materia di pubblico impiego, a norma dell’articolo 2 della legge 23/10/1992, n. 421. G.U. 6/2/1993 n. 30 e ripubblicato il G.U. 25/5/1998 n. 98.

- Circolare del Consiglio dei Ministri 24 marzo 1993 n. 12 – “Gestione delle risorse umane e pari opportunità. Indirizzi applicativi direttiva CE D. Lgs 3/2/93 n. 29;

- Decreto legge 20/5/1993 n. 148 (convertito in legge 236/93(. Interventi urgenti a sostegno dell’occupazione. G.U. 20/5/1993 n. 116.

 

1995

- Legge 8/8/1995 n. 332. Modifiche al codice di procedura penale in tema di semplificazione dei procedimenti, di misure cautelari e di diritto di difesa.  G.U. 8/8/1995 N. 184.

 

1996

- D. L. 645 del 1996 – “Recepimento della direttiva 85/92 CEE del 19 ottobre 1992 concernente il miglioramento della sicurezza e della salute sul lavoro delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento”.

- Legge 662 del 23 dicembre 1996 art. 1 commi 56/65 – “Tempo parziale e disciplina delle incompatibilità”;

- Carta di Roma del 18 maggio 1996 – “Documento sottoscritto da tutti i Ministri UE”;

- Legge 6/2/1996 n. 52 (legge comunitaria). Disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee – legge comunitaria 1994.  Articolo 1 Delega al Governo per l’attuazione di direttive comunitarie.  Articolo 18 Parità di trattamento. G.U. 10/2/1996 N. 34.

 

1997

- Decreto ministeriale 19/2/1997. Istituzione presso gli uffici del Ministro per le pari opportunità della commissione per la promozione e lo sviluppo dell’imprenditorialità femminile e dell’osservatorio per l’imprenditorialità femminile. G.U. 4/3/1997 n. 52.

- Circolare della Presidenza del Consiglio n. 3/97 del 19 febbraio 1997 sul part-time;

- Direttiva del Presidente del consiglio dei Ministri del 7 marzo 1997 – Azioni volte a promuovere l’attribuzione di poteri e responsabilità alle donne, a riconoscere e garantire libertà di scelte e qualità sociale a donne e uomini;

- Decreto del Ministro dell’Agricoltura 13/10/1997. Istituzione dell’osservatorio nazionale per l’imprenditorialità femminile ed il lavoro in agricoltura. G.U. 8/4/1997

n. 82.

 

1998

- Legge 23/12/1998 n. 448. Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo. Articolo 65 Assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori. Articolo 66 Assegno familiare. G.U. 29/12/1998 n. 302.

- Legge 27/5/1998 n. 165. Modifiche all’artilcolo 656 del codice di procedura penale ed alla leggee 26/7/1975 n. 354, e successive modificazioni. G.U. 30/5/1998 N. 124.

- Decreto del Ministro della Pubblica Istruzione 7/10/1998 n. 383. Regolamento recante la modificazione alla denominazione degli istituti tecnici femminili con quella di “Istituti tecnici per attività sociali”.  G.U. 4/11/1998 n. 258.

 

1999

- Legge 20/10/1999 n. 380. Delega al Governo per l’istituzione del servizio militare volontario femminile. G.U. 29/10/1999 n. 255.

- Legge 17/5/1999 n. 144. Misure in materia di investimenti, delega al Governo per il riordino degli incentivi all’occupazione e della normativa che disciplina l’INAIL,

nonché disposizioni per il riordino degli enti previdenziali. Articolo 47, delega al Governo in materia di revisione dell’art. 8 L. 10/4/1991 n. 125, Articolo 50, modifiche agli articoli 65 e 66 della legge 23/12/1998 n. 448, in materia di assegni familiari.  Articolo 63, integrazione dell’articolo 66 della legge 23/12/1998, n. 448. Supplemento ordinario della G.U. 22/5/1999 n. 118.

- Decreto legislativo 26/11/1999 n. 532. Disposizioni in materia di lavoro notturno, a norma dell’articolo 17, comma 2, della legge 5/2/1999, n. 25. G.U. del 21/1/2000 n. 16.

 

2000

- Legge 8/3/2000 n. 53. Disposizioni per il sostegno della maternità e paternità, per il diritto alla cura ed alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città. G.U. 13/3/2000 n. 60.

- Scheda comparativa dei vari CCNL

- Decreto Legislativo 25/2/2000 n. 61 e successive modifiche sul part-time;

- Decreto legislativo 23/5/2000 n. 196. Disciplina dell’attività delle consigliere e dei consiglieri di parità e disposizioni in materia di azioni positive, a norma dell’articolo 47, comma 1, della legge 17/5/1999 n. 144 G.U. 18/7/2000 n. 166 

 

2001

- Legge 8/3/2001 n. 40. Misure alternative alla detenzione a tutela del rapporto tra detenute e figli minori. G.U. 8/3/2001 n. 56.

- Legge 5/4/2001 n. 154. Misure contro la violenza nelle relazioni familiari. G.u. 28/4/2001 N. 98.

- Decreto Legislativo 26/2/2001, n. 100. Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 25/2/200 n. 61, recante attuazione della direttiva 97/81/CE relativa all’accordo-quadro sul lavoro a tempo parziale concluso dall’UNICE, dal CEEP e dalla CES. G.U. 5/4/2001 n. 80.

- Decreto ministeriale 15/3/2001. Disciplina delle modalità di presentazione, valutazione e finanziamento dei progetti di azione positiva per la parità uomo-donna nel lavoro di cui alla legge 10/4/1991 n. 125. G.U. 9/6/2001 n. 132.

- Testo Unico 26/3/2001 n. 151. Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma  - Legge 14/2/2003 n. 30 sul part-time, riprende ed estende gli ambiti di applicazione di quella precedente, sostenendo il lavoro a tempo parziale quale forma contrattuale idonea a favorire l’aumento dell’occupazione e la partecipazione al mercato del lavoro delle donne, dei giovani e dei lavoratori con età superiore ai 55 anni (art. 3, comma 1).

 

2001
- Legge 8 marzo 2001, n. 40 “Misure alternative alla detenzione a tutela del rapporto tra detenute e figli minori”.
- Decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151 “Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell’art. 15 della legge 8 marzo 2000 n. 53”.
- Testo Unico raccoglie le disposizioni contenute in oltre 25 norme ordinando tutta la materia a tutela della maternità e paternità. Vengono sistematizzate le norme vigenti sulla salute della lavoratrice, sui congedi di maternità, paternità e parentali, sui riposi e permessi, sull’assistenza ai figli malati, sul lavoro stagionale e temporaneo, a domicilio e domestico, le norme di cui usufruiscono le lavoratrici autonome e le libere professioniste.
- Legge 28 marzo 2001, n.149 “Modifiche alla legge n. 184 in materia di adozione ed affidamento minori”
- Legge 5 aprile 2001, n. 154, “Misure contro la violenza nelle relazioni familiari”.

2003
- Legge costituzionale 30 maggio 2003, n. 1 “Modifica dell’art. 51 della Costituzione”. L’art. 51 della Costituzione («Tutti i cittadini dell’uno o dell’altro sesso possono accedere agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizione di eguaglianza, secondo i requisiti stabiliti dalla legge») viene modificato, con l’aggiunta: «A tale fine la Repubblica promuove con appositi provvedimenti le pari opportunità tra donne e uomini».
- Decreto costituzionale 9 luglio 2003, n. 216 “Attuazione della direttiva 2000/78/CE per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro”.
- Legge 14 febbraio 2003, n. 30 “Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro”.
- Legge 11 agosto 2003, n. 228 “Misure contro la tratta di persone”.

2004
- Legge 19 febbraio 2004, n. 40 “Norme in materia di procreazione medicalmente assistita"

- Legge 8 aprile 2004, n. 90, “Norme in materia di elezioni dei membri del Parlamento europeo e altre disposizioni inerenti ad elezioni da svolgersi nell’anno 2004”.
- L’art. 3 prescrive che le liste circoscrizionali, aventi un medesimo contrassegno, debbano essere formate in modo che nessuno dei due sessi possa essere rappresentato in misura superiore ai due terzi dei candidati.


2006
- Decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198 “Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell’art. 6 della legge 28 novembre 2005, n. 246”.


2007
- Legge 17 ottobre 2007, n. 188 contro le dimissioni in bianco. Tale legge è stata abrogata a pochi mesi dalla sua entrata in vigore dall’art. 39, comma 10, lettera E del DL 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazione dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 (Governo Berlusconi).


2009
- Decreto-legge 23 febbraio 2009, n. 11 (conv. Legge 23 aprile 2009, n.38), “Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori”.


2010
- Legge 15 marzo 2010, n. 38 “Disposizioni per garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore”.


2011
- Legge 21 aprile 2011, n.62 “Modifiche al codice di procedura penale ed alla legge 26 luglio 1975, n. 354, e altre disposizioni a tutela del rapporto tra detenute madri e figli minori”.
- Legge 12 luglio 2011, n. 120 “Modifiche al testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, di cui al Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 concernente la parità di accesso agli organi di amministrazione e di controllo delle società quotate in mercati regolamentati”.
- Legge 12 luglio 2011, n.112 “Istituzione dell’autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza”.
(Da “Le leggi delle donne che hanno cambiato l’Italia” – Fondazione Nilde Iotti)

 

La tutela delle vittime di violenza domestica e di genere nella legge n. 69 del 2019 (c.d. Codice Rosso)

Il decreto-legge 86 del 2020 sulla parità di genere nelle elezioni regionali

DECRETO 27 gennaio 2022 Istituzione della Cabina di regia interistituzionale per la parita' di genere. (22A01987) (GU Serie Generale n.75 del 30-03-2022)

DECRETO 22 febbraio 2022 Istituzione dell'Osservatorio nazionale per l'integrazione delle politiche per la parita' di genere. (22A01988) (GU Serie Generale n.75 del 30-03-2022)

Parametri per il conseguimento della certificazione della parita' di genere alle imprese e coinvolgimento delle rappresentanze sindacali aziendali e delle consigliere e consiglieri territoriali e regionali di parita'. (22A03808) (GU Serie Generale n.152 del 01-07-2022)

DI-del-20102022-Esonero-contributivo-aziende-private-parita-salariale di genere

LINEE GUIDA SULLA “PARITÀ DI GENERE NELL’ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO CON LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI” Roma, 06.10.2022

DECRETO 20 giugno 2023 Linee guida volte a favorire le pari opportunita' generazionali e di genere, nonche' l'inclusione lavorativa delle persone con disabilita' nei contratti riservati. (23A04253) (GU Serie Generale n.173 del 26-07-2023)

 

 


EUROPA

 

1957

Trattato della Comunità Europea

 

1975

- Direttiva 75/117/CEE del Consiglio, del 10/2/1975, per il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri relative all’applicazione del principio della parità delle

retribuzioni tra i lavoratori di sesso maschile e quelli di sesso femminile. G.U.C.E. n. L 045 del 19/2/1975.

 

1976

- Direttiva n. 76/207/CEE del Consiglio, del 9/2/1976, relativa all’attuazione del principio della parità di trattamento tra uomini e donne per quanto riguarda l’accesso al lavoro, alla formazione e alla promozione professionale e le condizioni di lavoro, (G.U.C.E. L 039 del 14/2/1976).

 

1979

- Direttiva 79/7/CEE del Consiglio, del 19/12/1978, relativa alla graduale attuazione del principio di parità di trattamento tra gli uomini e le donne in materia di sicurezza

sociale. G.U.C.E., del 10/1/1979.

 

1984

- Raccomandazione del Consiglio del 13/12/84 n. 84/635 sulla promozione di azioni positive a favore delle donne (G.U.C.E. 4331 del 19/12/1984).

 

1986

- Direttiva 86/378/CEE del Consiglio, del 24/7/1986, relativa all’attuazione del principio della parità di trattamento tra gli uomini e le donne nel settore dei regimi professionali di sicurezza sociale . (G.U.C.E., n. L 225 del 12/8/1986.

- Direttiva 86/613/CEE del Consiglio, del 11/12/1986, relativa all’applicazione del principio della parità di trattamento fra gli uomini e le donne che esercitano un’attività autonoma, ivi comprese le attività nel settore agricolo, e relativa altresì alla tutela della maternità. G.U.C.E., n. L 359 del 19/12/1986.

 

1992

- Direttiva 92/85/CEE del Consiglio, del 19/10/1992, concernente l’attuazione di misure volte a promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute sul lavoro delle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento (decima direttiva particolare ai sensi dell’articolo 16, paragrafo 1 della direttiva 89/391/CEE). G.U. C.E., N. L 348, del 28/11/1992.

 

1996

- Direttiva 96/34/CE del consiglio, del 3/6/1996, concernente l’accordo quadro sul congedo parentale concluso dall’UNICE, dal CEEP e dalla CES. G.U.C.E., n. L 145 del 19/6/1996.

 

1997

- Direttiva 97/80/CE del Consiglio, del 15/12/1997, riguardante l’onere della prova nei casi di discriminazione basata sul sesso. G.U.C.E., n. L 014 del 20/1/1998.

- Direttiva 97/81/CE del Consiglio, del 15/12/1997, relativa all’accordo quadro sul lavoro a tempo parziale concluso dall’UNICE, dal CEEP e dalla CES – Allegato: Accordo quadro sul lavoro a tempo parziale. G.U.C.E., n. L 014 del 20/1/1998.

 

2000

- Carta dei diritti fondamentali dell’Unine europea, Nizza il 7 dicembre 2000, Articolo 23. 2000/C 364/01.

- Direttiva 2000/78/CE del Consiglio, del 27/11/2000, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro. G.U.C.E., n. L 303 del 2/12/2000.

 

2002

- Direttiva 2002/73/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 23/9/2002, che modifica la direttiva 76/207/CEE del Consiglio relativa all’attuazione del principio della parità di trattamento fra gli uomini e le donne per quanto riguarda l’accesso al lavoro, alla formazione e alla promozione professionale e le condizioni di lavoro. G.U.C.E. n. L 269 del 5/10/2002.

- Quarto programma d’azione per la parità di opportunità tra le donne egli uomini (1996/2000)

 

 Strategia per la parità di genere 2020-2025,COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO,
AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E
AL COMITATO DELLE REGIONI
Un'Unione dell'uguaglianza: la strategia per la parità di genere 2020-2025,Bruxelles 5.3.2020

EU Gender Action Plan - GAP III COMUNICAZIONE CONGIUNTA AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIOPIANO D'AZIONE DELL'UNIONE EUROPEA SULLA PARITÀ DI GENERE III –UN'AGENDA AMBIZIOSA PER LA PARITÀ DI GENERE E L'EMANCIPAZIONE FEMMINILE NELL'AZIONE ESTERNA DELL'UE, Bruxelles 25.11.2020

G.U. Europea 7 dicembre 2022 -  Direttiva (UE) 2022/2381 riguardante il miglioramento della parità di genere fra gli amministratori delle società quotate

 

a livello internazionale ONU:

L'Obiettivo 5  dell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, adottato all'unanimità dai 193 Paesi membri delle Nazioni Unite con la risoluzione 70/1  del 15 settembre 2015, si propone di eliminare ogni forma di discriminazione e violenza per tutte le donne, di tutte le età, così come pratiche quali i matrimoni precoci o forzati e le mutilazioni genitali. L'Obiettivo punta alla parità tra tutte le donne e le ragazze nei diritti e nell'accesso alle risorse economiche, naturali e tecnologiche, nonché alla piena ed efficace partecipazione delle donne e alla pari opportunità di leadership a tutti i livelli decisionali politici ed economici.

 

 

Ultimo aggiornamento

Martedi 02 Aprile 2024