Contributo a fondo perduto per titolari di partita IVA

01/08/2020

Immagine non trovata

Richiesta da presentare dal 15 giugno al 13 agosto 2020

PER INOLTRARE LA RICHIESTA E PER ULTERIORI INFORMAZIONI CLICCARE QUI

Che cos’è e a chi è rivolto

Il contributo a fondo perduto, previsto dal “decreto Rilancio” (Dl n. 34 del 19 maggio 2020), consiste nell’erogazione di una somma di denaro senza obbligo di restituzione.

Il contributo spetta ai titolari di partita Iva che esercitano attività d’impresa e di lavoro autonomo o che sono titolari di reddito agrario, ed è commisurato alla diminuzione di fatturato subita a causa dell’emergenza epidemiologica.

I requisiti per accedere

Possono ottenere l’agevolazione i contribuenti che nel 2019 hanno conseguito un ammontare di ricavi e compensi non superiore a 5 milioni di euro.

E’ necessario, inoltre, soddisfare una delle tre seguenti condizioni:

  • aver avuto un ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 inferiore ai due terzi dell’ammontare del mese di aprile 2019
  • aver iniziato l’attività dopo il 31 dicembre 2018
  • avere il domicilio fiscale o la sede operativa situati nel territorio di Comuni colpiti da eventi calamitosi, i cui stati di emergenza erano in atto alla data del 31 gennaio 2020.

Come e quando chiedere il contributo

I contribuenti aventi diritto possono richiedere il bonus con apposita istanza, da presentare esclusivamente in via telematica dal 15 giugno al 13 agosto 2020.

Nel caso in cui il soggetto richiedente sia un erede che continua l’attività per conto del soggetto deceduto, le domande possono essere inviate dal 25 giugno al 24 agosto 2020.

Contatti e assistenza

Per informazioni e chiarimenti sul contributo a fondo perduto, sulle modalità di predisposizione e trasmissione dell’istanza o dubbi di carattere interpretativo, ti raccomandiamo di consultare la Guida operativa e le circolari n. 15 del 13 giugno 2020 e n. 22 del 21 luglio 2020, presenti in questa area tematica. Se anche dalla lettura di questi documenti non riesci a trovare risposta ai tuoi dubbi, puoi contattare l’Agenzia a uno dei seguenti canali di assistenza telefonica, differenziati in base al tipo di quesito (tecnico-procedurale o di carattere fiscale) evitando di recarti in ufficio:

Allegati