FONDO INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI

07/05/2020

Immagine non trovata

Avviso per concessione di contributi

1. FINALITÀ E CRITERI PER L’ACCESSO AI CONTRIBUTI

La misura è rivolta a inquilini che siano stati destinatari di un atto di intimazione di sfratto per morosità con atto di citazione per la convalida e più precisamente è destinato a nuclei familiari in situazione di “morosità incolpevole” derivante da perdita o consistente riduzione della capacità reddituale che può essere riconducibile ad una delle seguenti cause:

  1. licenziamento

  2. mobilità

  3. cassa integrazione

  4. mancato rinnovo di contratti a termine o di lavoro atipici

  5. accordi aziendali e sindacali con riduzione del l’orario di lavoro

  6. cessazione di attività professionale o di impresa

  7. malattia grave

  8. infortunio o decesso di un componente del nucleo familiare che abbia comportato la riduzione del reddito

Per accedere al contributo:

• il richiedente debba possedere un reddito I.S.E (Indicatore della Situazione Economica) non superiore a € 35.000 o un valore I.S.E.E (indicatore della Situazione Economica equivalente) non superiore a € 26.000;
• il nucleo deve essere destinatario di un atto di intimazione di sfratto per morosità con atto di citazione per la convalida
• il richiedente sia titolare di un contratto di locazione di unità immobiliare ad uso abitativo regolarmente registrato e risieda nell’alloggio oggetto della procedura di rilascio da almeno un anno; • il richiedente abbia cittadinanza italiana, di un Paese dell’UE, ovvero possieda un regolare titolo di soggiorno, nei casi di cittadini non appartenenti all’UE.
• non siano titolari di diritto di proprietà usufrutto uso o abitazione nella provincia di residenza di altro immobile fruibile ed adeguato alle esigenze del nucleo familiare.

2. ENTITÀ DEL CONTRIBUTO

Il Comune di Castenedolo determina ed eroga agli aventi diritto un contributo in relazione all’entità della morosità incolpevole accertata nel proprio territorio e tenuto conto delle risorse finanziarie attribuite dalla Regione.

Non possono accedere al contributo i soggetti (inquilini) che ne hanno già beneficiato in passato ai sensi delle precedenti delibere sulla morosità incolpevole; il controllo di tale requisito è in capo al Comune.
L’importo del contributo concedibile per sanare la morosità incolpevole non può superare l’importo pari ad € 12.000,00 per soggetto richiedente

Di seguito i parametri di riferimento:
a) fino a un massimo di € 8.000,00 per sanare la morosità incolpevole accertata dal comune, qualora il periodo residuo del contratto in essere non sia inferiore ad anni due, con contestuale rinuncia all'esecuzione del provvedimento di rilascio dell'immobile;
b) fino a un massimo di € 6.000,00 per ristorare la proprietà dei canoni corrispondenti alle mensilità di differimento qualora il proprietario dell'immobile consenta il differimento dell'esecuzione del provvedimento di rilascio dell'immobile per il tempo necessario a trovare un'adeguata soluzione abitativa all'inquilino moroso incolpevole;
c) assicurare il versamento di un deposito cauzionale per stipulare un nuovo contratto di locazione;
d) assicurare il versamento di un numero di mensilità relative a un nuovo contratto da sottoscrivere a canone concordato fino alla capienza del contributo massimo complessivamente concedibile di € 12.000,00.
I contributi di cui alle lettere c) e d) possono essere corrisposti dal Comune di Castenedolo in un'unica soluzione contestualmente alla sottoscrizione del nuovo contratto, anche a canone inferiore rispetto al libero mercato.
Per il riconoscimento del contributo, i nuovi contratti di locazione devono essere stipulati preferibilmente a canone concordato, ma potranno anche essere a canone convenzionato o agevolato e comunque inferiore al libero mercato.
Sono esclusi i nuovi contratti di locazione per i Servizi Abitativi Pubblici (SAP).
Tutte le risorse del presente provvedimento dovranno essere utilizzate, secondo le indicazioni del DM del 30 marzo 2016 e delle presenti Linee guida Regionali, entro il 31 dicembre 2021.

3. DOCUMENTI NECESSARI

  • autocertificazione compilata utilizzando il Modello di domanda

  • copia non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore (D.P.R. n. 445 del 28/12/2000, art. 38, comma 3) in corso di validità

  • attestazione ISEE in corso di validità

  • copia del permesso di soggiorno valido o carta di soggiorno (per cittadini extracomunitari)

  • atto di intimazione di sfratto per morosità con atto di citazione per la convalida

  • documentazione attestante la causa della perdita o riduzione del reddito del nucleo familiare ed ogni altra informazione utile.

Allegati:

Allegato 1: dichiarazione del proprietario da allegare alla domanda per il contributo per sanare la morosità incolpevole accertata dal comune qualora il periodo residuo del contratto in essere non sia inferiore ad anni due.

 

Allegato 2: dichiarazione del proprietario da allegare alla domanda per il contributo per ristorare la proprietà dei canoni corrispondenti alle mensilità' di differimento dell'esecuzione del provvedimento di rilascio per il tempo necessario a trovare un'adeguata soluzione abitativa.

 

Allegato 3: dichiarazione del proprietario da allegare alla domanda per il contributo per assicurare il versamento di un deposito cauzionale per stipulare un nuovo contratto di locazione e impegno del proprietario a stipulare un contratto a canone ribassato rispetto al valore di mercato

 

Allegato 4: Contributo per assicurare il versamento di 12 mensilità 

Allegati